Mostre  
     
 
LIFE & STILL LIFE  
 
 
SGUARDI SUL CINEMA  
 
 
ARTE E’ MODA E’ ARTE  
 
 
SGUARDI VEGETALI  
 
 
LUCI DELLA NATURA  
 
 
BODY&SOUL  
 
 
LUCI DELLA NATURA II  
 
 
I COLORI DELLA PRIMAVERA  
 
 
CON TURBANTE  
 
 
ARTE IN TAVOLA  
 
 
CON TURBANTE II  
 
 
SUBLIMI CONTRASTI  
 
 
METAMORFOSI  
 
 
WELCOME
 
 

Welcome

 
     
     
     
     
     
WELCOME


MOSTRA TRIPERSONALE
ELENA GIORGIO, NADIA TORCHIA e CARLOS GIORDANO
SPAZIO SOTTOSOPRA via MONTEVIDEO 4, MILANO.
DAL 17 AL 22 APRILE, 2018


In questa mostra C. Giordano presenta i suoi nuovi lavori all’acquarello. Le opere si possono dividere a grandi linee in due gruppi: figurative e astratte, anche se la differenza a volte non è molto rigorosa.

Ricordiamo le parole della cara amica e storica dell’arte Daniela Semprebene: “ Giordano dipinge pensando al bello del quale è innamorato: le sue opere sono strepitose, i pomodori rossi tinteggiati da lui bastano a riempire una stanza, tanta è la luce che riflettono: il rosso, il verde delle foglie e la luce dei suoi colori…”.

Gli acquarelli seguono questi concetti, sebbene i colori si siano addolciti, sfumati, amalgamati e contaminati. Giordano usa gli acquarelli con molta libertà, sono i colori a seguire la traccia lasciata dalla mano dell’artista e poi si rincorrono, si fermano o fuoriescono dalle forme pre-stabilite da Giordano. E così un paesaggio marino Danese diventa molto simile a un’opera astratta se non ci fosse quella piccola barca in lontananza. Un mazzo di fiori è una macchia di colori riconoscibili soltanto per i rami verdi che gli uniscono.

Le sue opere astratte vivono circoscritte dentro figure geometriche non identificabili. Dentro queste figure i colori ballano e si amalgamano, alcuni riescono a fuggire il controllo e scappano via, altri rimangono contenuti con grande tensione. In certe opere astratte s’intravedono le due anime di Giordano,si rispecchiano ma non si toccano, o sono il cielo e la terra?

Una nuova mostra “dell’artista del soffio vitale” come l’ha chiamato il ricordato critico, Edoardo Archimede Maria Liberio che continua a sorprenderci con la sua versatilità mantenendo costante la forza della sua tavolozza.